In arrivo il nuovo contatore Enel: quanto ci costerà?

L’AEEGSI (l’Autorità garante per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico) ha dato il via libera alla sostituzione dei contatori della luce installati dopo il 2001 e con la delibera 87/2016 sono state approvate le specifiche tecniche del nuovo contatore Enel. Durante l’anno sarà installato in oltre 30 milioni di abitazioni per un’operazione da 30 miliardi di euro complessivi. I costi per i contatori di seconda generazione, quando installati, verranno gradualmente riconosciuti e spalmati sulle fatture future per una spesa a famiglia di 110€ solo nel 2017. Se non sei sicuro di avere già la tariffa più conveniente, probabilmente è arrivato il momento di utilizzare un comparatore online come SuperMoney per confrontare le offerte di energia elettrica e trovarne una che faccia al caso tuo, tenendo conto di questo aumento.

Nuovo contatore Enel: come funziona e come si pagherà

I nuovi misuratori 2.0 saranno ipertecnologici e “intelligenti”. Dovrebbero garantire la fatturazione dei consumi reali, eliminando la piaga dei conguagli. Permetteranno di rilevare ogni 15 minuti i dati dell’energia utilizzata, aggiornando il conto dei prelievi giornalieri, renderanno più semplici e veloci le volture e offriranno all’utente dati sui consumi accessibili via web dopo 24 ore. Ma i pericoli per i consumatori vengono dai costi di installazione.

L’Autorità si difende e spiega che la sostituzione dei modelli da dismettere si rende necessaria perché quelli in uso, diffusi a partire dal 2001 (i “teleletti”, che a loro volta avevano sostituito quelli elettromeccanici), hanno una vita tecnica di 15 anni. Per i nuovi contatori, spiega l’AEEGSI, non ci sarà alcuna spesa una tantum. Il servizio di misurazione dei consumi è già conteggiato nelle bollette con un piccolo aumento delle tariffe e così continuerà a essere anche per i nuovi rilevatori. I costi per i contatori 2.0, quando installati, verranno spalmati sulle bollette future, alla stessa voce.

I tempi di installazione varieranno da operatore e operatore: Enel per una parte considerevole della penisola, Acea per Roma, A2A per Milano e Brescia.

Nuovo contatore Enel: i pericoli per i consumatori

Come dicevamo prima, però, i pericoli che corrono i consumatori sono diversi. Prima di tutto, perchè gli utenti stanno ancora pagando i contatori installati dopo il 2001 e aggiungere il costo di quelli a quello di questi nuovi rilevatori potrebbe portare le bollette a raggiungere cifre molto alte, probabilmente ingiuste per i consumatori nonostante i benefici che il nuovo dispositivo presenta.

Il problema delle superbollette viene dato dai conguagli, ai quali adesso si aggiungono le spese di questi nuovi contatori. Non solo, i rilevatori 2.0 sono stati inseriti proprio per eliminare il problema dei maxi-conguagli ma per lo stesso motivo erano stati installati i contatori teleletti che non hanno minimamente risolto la situazione. La paura è che sia un altro buco nell’acqua che porti solo ad un aumento dei soldi che escono dalle tasche degli italiani e a nessun beneficio pratico.

Lascia un commento