Energia domestica: conviene Risparmio o Ambiente?

bollette-luce e gasQuando si tratta di energia domestica gli italiani, si sa, ormai sono esperti nell’utilizzo del web per porre le diverse tariffe di luce e gas presenti sul mercato a confronto, perché vogliono selezionare l’opzione più vantaggiosa ma allo stesso tempo completa. C’è un’altra questione, però, che si sta facendo sempre più spazio nelle case dei cittadini del Belpaese: quella legata alle fonti rinnovabili per la fornitura di energia domestica.

Poiché fra geotermia, pannelli solari e soluzioni green di vario tipo, il ventaglio di possibilità si sta facendo sempre più ampio, la voglia dei consumatori di tutelare l’ambiente in cui vivono, in teoria, aumenta.

In un periodo storico di recessione economica come quello in cui ci troviamo, però, si tende a prediligere il discorso del risparmio economico rispetto a quello ambientale, perché generalmente i costi del rinnovabile sono ritenuti più elevati.

La vera tutela ambientale, quindi, è sicuramente legata a doppio filo all’economicità o meno delle energie da fonte rinnovabile.

Da queste considerazioni parte l’indagine sulle tariffe richiesta dallo Sportello Consumatori all’Osservatorio Supermoney.

Indagine: Le fonti rinnovabili convengono o no?

Profili tradizionali e rinnovabili

Vediamo qual è la differenza tra le tariffe di energia domestica derivante da fonti di alimentazione tradizionali oppure rinnovabili, come rilevato dall’Osservatorio SuperMoney. In linea di principio, le compagnie che forniscono energia propongono sia profili tradizionali che rinnovabili, per rispondere alle diverse esigenze dei consumatori.

Tariffe per il gas da rinnovabili

Analizzando l’offerta per il gas proveniente da fonti rinnovabili, notiamo che la compagnia Gas Natural, che opera esclusivamente nell’ambito green, propone ai clienti privati il profilo Sconta Gas Tre, con una tariffa di 29,336013 centesimi al metro cubo, la più conveniente del settore. Vivigas e GDF Suez, anch’esse operanti nell’ambito delle rinnovabili, propongono due offerte per la fornitura di gas che ammontano rispettivamente a 32,5 e 34,9 cent/m3.

Tariffe per il gas tradizionali

E.ON, Acea Energia e Edison, invece, forniscono gas da fonti tradizionali e propongono, nello specifico, le seguenti tariffe: Gas Click di E.ON a 23,9 cent/m3, Acea Rapida a 25 cent/m3 e Edison Web Gas a 25,5 cent/m3. La ricerca dell’Osservatorio SuperMoney evidenzia come la fornitura di gas proveniente da fonti tradizionali sia più conveniente.

Elettricità: l’offerta di Enel

Per quanto riguarda l’elettricità, oltre alla tipologia di fornitura bisogna anche analizzare le disparità tra le tariffe monoraria e bioraria. Per la tariffa monoraria, Enel Energia propone con e-light a 0,500 euro/kWh il profilo più economico, sia per l’energia domestica proveniente da fonti tradizionali che green. L’unica differenza per il profilo e-light rinnovabile è data dall’aggiunta dell’onere di 2 euro mensili.

Tariffe monorarie per l’elettricità

Proseguendo sulle tariffe monorarie, dalla ricerca di SuperMoney emergono i seguenti dati: l’elettricità proveniente da fonti tradizionali è più conveniente, in quanto le tariffe di a2a e Hera Comm per le offerte Prezzo Sicuro Web+ e Prezzo Netto Natura Web Luce ammontano rispettivamente a 0,515 e 0,516 euro/kWh, mentre il consumo da fonti rinnovabili si attesta sugli 0,0643 euro/kWh nell’offerta Formula Fisso di Vivigas, per salire a 0,69 euro/kWh di Energia Semplice, proposta da Illumia.

Tariffe biorarie

La differenza di costo tra le diverse tipologie di fornitura aumenta per la tariffa bioraria. Se infatti per l’energia domestica proveniente da fonti tradizionali Prezzo Netto Natura Web Luce di Hera Comm propone 0,0575 euro/kWh nei giorni feriali dalle 8 alle 19 e 0,506 euro/kWh dalle 19 alle 8 e nei weekend, attestandosi come la più conveniente tra i profili analizzati dall’Osservatorio SuperMoney, il profilo più conveniente tra le rinnovabili, Ferma Prezzo Luce Verde di Gas Natural, richiede un esborso di 0,0741 euro/kWh nei giorni feriali dalle 8 alle 19 e di 0,069 euro/kWh nelle ore notturne e nei weekend.

Offerta congiunta luce e gas bioraria

Le offerte congiunte luce e gas mostrano delle differenze ancora più notevoli in base alla scelta della fonte, soprattutto se si opta per una tariffazione bioraria e principalmente per quanto riguarda l’elettricità. Se Prezzo Netto Natura Web di Hera Comm prevede un esborso per l’elettricità di 0,0575 euro/kWh nei giorni feriali 8-19 e di 0,0506 euro/kWh nelle ore notturne e nei weekend, mentre il gas costa 27,1 cent/m3, Enel Energia con il profilo e-light richiede il pagamento di 0,1010 euro/kWh nei giorni feriali dalle 8 alle 19, mentre di 0,0250 euro/kWh di sera e nei weekend. Il gas invece costa 26 cent/m3 in tutte le fasce orarie.

Luce e gas, tariffa monoraria

Concludiamo con la tariffa monoraria per l’offerta congiunta di luce e gas. Prezzo Netto Natura Web di Hera Comm prevede 0,0516 euro/kWh e 27,1 cent/m3 rispettivamente per elettricità e gas provenienti da fonti tradizionali, mentre Gas & Luce Fisso di Vivigas richiede 0,0643 euro/kWh e 32,5 cent/m3 provenienti da fonti green.

Conclusioni:

Tirando le somme, il dettagliato quadro delineato dall’Osservatorio SuperMoney rivela che l’energia domestica derivante da fonti rinnovabili generalmente ha un costo più elevato rispetto a quella proveniente da fonti tradizionali. L’offerta congiunta luce e gas invece merita un discorso a sé stante, in quanto si può notare come ci sia una sensibile diminuzione nel costo dell’energia elettrica nelle fasce orarie notturne e nei fine settimana, mentre il costo del gas è mediamente più elevato rispetto al servizio singolo.

Lascia un commento