Codici: da Bpm nessuna attenzione per i consumatori

Codici: da Bpm nessuna attenzione per i consumatori
L’Associazione Codici critica il comportamento di Banco Bpm nella vicenda dei diamanti da investimento.

“Dopo la sentenza di fallimento emessa dal Tribunale di Milano per la Idb Spa – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – la nostra Associazione si è subito attivata per permettere ai risparmiatori di preparare la nuova richiesta di risarcimento. In questa corsa contro il tempo, visto che i termini per presentare le domande scadono il prossimo 8 marzo, spicca l’atteggiamento di chi, come Banco Bpm, non sta facendo nulla per andare incontro alle esigenze dei risparmiatori. Parliamo di persone che si sono fidate del loro istituto, acquistando prodotti a prezzi che poi si sono rivelati più alti rispetto al reale valore di mercato. Bpm è l’unica banca che non ha proposto soluzioni – sottolinea Giacomelli – sta portando avanti un atteggiamento ostinato che dimostra l’assenza di attenzione nei confronti dei consumatori. Siamo amareggiati da questo comportamento, ma non sorpresi, perché ci ricordiamo il caos scoppiato nell’estate 2017, quando centomila clienti si ritrovarono con i conti bloccati per giorni. Home banking inutilizzabile, aziende impossibilitate a pagare un semplice bonifico o le tasse con un F24, call center in tilt. La storia si ripete, purtroppo ai danni di consumatori che andrebbero tutelati e non ignorati”.

Come detto, c’è tempo fino al prossimo 8 marzo per presentare l’istanza di insinuazione al passivo per la restituzione dei diamanti da investimento. Per predisporre la richiesta di restituzione, chi si è rivolto alla Idb può contattare l’Associazione Codici al numero telefonico 06.5571996 oppure all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org.



Fonte: CODICI: Codici: da Bpm nessuna attenzione per i consumatori

Powered by WPeMatico