Le associazioni dei consumatori possono accedere ai documenti del comune sugli autovelox

Le associazioni dei consumatori hanno diritto ad accedere alla documentazione comunale relativa al funzionamento e alla gestione degli autovelox. Lo ha deciso il Tar del Lazio che, con la sentenza 32099 del 2 settembre 2010, ha accolto l’istanza di accesso presentata da un’associazione a tutela degli interessi dei consumatori per poter prendere visione dei documenti riguardanti il posizionamento e la taratura degli autovelox nel comune di Fiumicino. L’istanza era stata avanzata dopo le segnalazioni di numerosi automobilisti, sanzionati per il superamento anche minimo dei limiti di velocità (in molti casi si trattava di un solo chilometro), rilevato attraverso apparecchiature autovelox in zone del territorio comunale dove la segnaletica non era neppure ben visibile. Il collegio romano, dopo aver ribadito l’ammissibilità della richiesta, ha sancito il diritto dell’associazione ad accedere ai documenti, "al fine di accertare se il funzionamento degli apparecchi fosse conforme alla legge, e in caso negativo, di tutelare anche in sede giurisdizionale gli interessi degli associati".

Ilaria Piazza cassazione.net