Automobili non consegnate: restituiti 8000 euro ad un nostro Socio. Ora anche ONLINE lo "Sportello Beni non Consegnati".

Civitavecchia: Sbarca su internet  il nostro “Sportello Beni non Consegnati”. Restituiti oltre 8000 euro ad un nostro socio, e senza fare alcuna causa.

Pochi giorni fa “Striscia la Notizia” denunciava l’ennesimo caso di concessionario che, dopo aver venduto l’auto, non provvedeva poi a consegnarla.

Questo fenomeno purtroppo è ben noto ai Cittadini di Civitavecchia che hanno assistito, in due anni, al crollo di ben due concessionari ( NDR vedi Vicenda Alicar e Vicenda Trader ).

In passato eravamo già riusciti a risolvere il problema dei nostri soci, in un caso, grazie alla cortesia di FIAT SpA, addirittura facendo consegnare la vettura, mentre in tutti gli altri casi i soci hanno recuperato, in pochi mesi, tutte le rate già pagate alla finanziaria.

Solo un cruccio ci assillava: in un caso la buona notizia tardava ad arrivare, per una immotivata resistenza della Società Finanziaria.

Ma non abbiamo desistito, abbiamo sollecitato per quasi un anno e, alla fine, il risultato c’è stato: un bonifico di oltre 8000 euro a rimborso delle rate già pagate.

Ma non solo: nessuna segnalazione nelle centrali rischio finanziario (CRIF) anche se il socio, grazie al nostro intervento, aveva smesso di pagare le rate.

E tutto questo con una pratica talmente semplice ed economica per il cittadino da poter essere gestita anche completamente online.

Da qui l’idea di far nascere lo Sportello Online Beni non consegnati.

Basta infatti collegarsi al sito www.sportelloconsumatori.org e troverete la pagina dedicata sotto la voce “Servizi”.

Chi abita nei dintorni di Civitavecchia, dove è la nostra sede, può, se preferisce, rivolgersi allo 0766/036164 per un appuntamento con i nostri esperti.

Ci auguriamo che le persone che sono incappate nei passati problemi dei concessionari civitavecchiesi abbiano ormai risolto i loro problemi, ma ricordiamo che il servizio non è limitato solo agli autoveicoli, ma ad ogni tipo di bene acquistato a rate e non consegnato.

Ovviamente nessuno può garantire il risultato di un’azione ma, viste le precedenti esperienze, ci sentiamo di consigliare ai Cittadini, quando acquistano un bene di un discreto valore, di lasciare il minimo indispensabile come acconto e di finanziare tutto il resto con il credito al consumo (i finanziamenti offerti dal venditore).

Un finanziamento è facile da saldare anticipatamente (se si hanno le disponibilità) per non pagare gli interessi, e si può recuperare il proprio denaro in caso di problemi: un assegno ormai incassato dal venditore difficilmente si recupera.

——————-

Visita lo Sportello Online Beni non Consegnati

Guarda il Servizio di Striscia la Notizia

Lascia un commento