No all’esimente dello stato d’ira per chi insulta l’ex sui social

Insulta l’ex moglie sui social, il fattoNesso di causalitàEspressioni offensive con la consapevolezza di ledere la reputazione altruiInsulta l’ex moglie sui social, il fatto[Torna su]
Nessuna esimente dello stato d’ira per l’ex marito che su Facebook insulta l’ex moglie al termine di una separazione travagliata. A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza 24614/2022 (in allegato).
Nella vicenda, la corte d’appello di Catania ha confermato la decisione del tribunale della stessa città che, con rito abbreviato, aveva dichiarato colpevole di reato diffamazione aggravata un soggetto per aver offeso l’onore e la reputazione dell’ex moglie pubblicando frasi offensive nei confronti della stessa su un social network.
Avverso la sentenza il ricorso dell’imputato «aveva dedotto la …

.. leggi il seguito