Processo penale da remoto nella bufera

di Lucia Izzo – Mentre la giustizia si prepara per la “Fase 2”, anche il Garante per la protezione dei dati personali è sceso in campo e ha chiesto chiarimenti in relazione al “processo penale da remoto”, su cui tanto si è discusso negli ultimi giorni. Il Garante scrive a BonafedeUnci: “contrari a smaterializzazione del processo”Udienze da remoto: piattaforme informatiche e rischi privacyIl Garante scrive a Bonafede[Torna su]In particolare, il presidente dell’authority, Antonello Soro, ha scritto una lettera (qui sotto allegata) al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede a seguito delle segnalazioni giunte da parte dell’Unione Camere Penali. Il Garante ha richiesto al Guardasigilli “ogni elemento ritenuto utile alla migliore comprensione delle caratteristiche dei trattamenti effettuati n…

.. leggi il seguito