L’uso del captatore informatico secondo la Cassazione

di Laura Muscolino – Dal trojan horse allo spy software: quando e a quali condizioni le comunicazioni sono legittimamente intercettate secondo la giurisprudenza. Le prime pronunce sul captatore informaticoLa giurisprudenza più recente sul captatore informaticoLa Cassazione a Sezioni Unite n. 741/2020Le prime pronunce sul captatore informatico[Torna su]Di seguito l’analisi delle prime pronunce della Cassazione, a partire dalla sentenza Scurato delle sezioni unite del 2016. Sentenza Scurato: Cassazione a sezioni unite n. 26889/2016L’intercettazione di comunicazioni tra presenti mediante l’installazione di un captatore informatico in un dispositivo elettronico è consentita nei soli procedimenti per delitti di criminalità organizzata per i quali trova applicazione la disciplina di cui all’art….

.. leggi il seguito