Cassazione: offesa in video chat non è reato


di Annamaria Villafrate – La Cassazione con la sentenza n. 10905/2020 (sotto allegata) accoglie il ricorso del difensore dell’imputato precisando la differenza esistente tra il reato di diffamazione e la fattispecie depenalizzata dell’ingiuria. Nella diffamazione il soggetto offeso resta estraneo alla comunicazione offensiva e non è in grado di confrontarsi con il suo offensore, nell’ingiuria invece l’offesa, realizzata con qualsiasi mezzo, è indirizzata al suo destinatario, che è presente. Il reato di diffamazioneInsulti in video chat senza testimoniIngiuria se la persona offesa è presenteIl reato di diffamazione[Torna su]
La Corte d’Appello conferma la sentenza di primo grado, che ha condannato l’imputato alla pena di 600 euro di multa per il reato di diffamazione di cui all’art. 59…

.. leggi il seguito