Cassazione: i principi sulla prova del danno non patrimoniale

di Lucia Izzo – Il danno non patrimoniale ha natura unitaria ed onnicomprensiva. Il giudice di merito, ai fini risarcitori, deve tenere conto di tutte le conseguenze derivanti dall’evento di danno e procedere a un accertamento concreto del danno utilizzando tutti i necessari mezzi di prova, compresi il fatto notorio, le massime di esperienza, le presunzioni. Inoltre, costituisce duplicazione risarcitoria la congiunta attribuzione del danno biologico e del danno c.d. esistenziale, ma non, invece, la differente e autonoma valutazione compiuta con riferimento alla sofferenza interiore patita dal soggetto in conseguenza della lesione del suo diritto alla salute. Il danno morale andrà, tuttavia, allegato e provato, ancorché ovviamente per presunzioni. Sono i principi ribaditi dalla Corte di Cas…

.. leggi il seguito