Cassazione: l’età di 86 anni non esclude il carcere

di Annamaria Villafrate – La Corte di Cassazione, con sentenza n. 8585/2020 (sotto allegata) respinge definitivamente la richiesta di detenzione domiciliare avanzata da un detenuto di 86 anni. Non rileva infatti l’età ai fini della concessione della detenzione domiciliare, occorre che il condannato presenti condizioni di salute talmente gravi da cagionare uno stato d’inabilità anche solo parziale dello stesso. Atti sessuali con minore Il ricorso: carcere incompatibile con età avanzataAi fini della detenzione domiciliare non rileva l’età avanzataAtti sessuali con minore [Torna su]
Il Tribunale di sorveglianza rigetta la richiesta di un detenuto condannato per il reato continuato di atti sessuali con minore di 14 anni, finalizzata alla concessione della detenzione domiciliare. Dalla senten…

.. leggi il seguito