Divorzio: niente assegno se l’ex moglie lavora in nero


di Annamaria Villafrate – Per la Cassazione, come chiarito nell’ordinanza n. 5603/2020 (sotto allegata) non si può riconoscere l’assegno divorzile alla ex moglie, se non è stata raggiunta la prova del suo effettivo guadagno, derivante dallo svolgimento saltuario e irregolare di prestazioni di manicure. La Corte d’Appello nel riconoscere l’assegno alla donna non ha provveduto alla comparazione delle rispettive situazioni reddituali dei coniugi per la mancanza di prove sul guadagno effettivo della donna e e non ha tenuto conto dei principi esposti da due sentenze chiave della Cassazione in materia, secondo le quali, occorre valutare anche il contributo dei coniugi alla formazione della vita e del patrimonio familiare e personale, tenendo conto della durata del matrimonio, dell’età del coni…

.. leggi il seguito