Avvocati: imprecare può avere conseguenze disciplinari


di Annamaria Villafrate – Con la sentenza n. 67/2019 (sotto allegata) il CNF chiarisce che, se un avvocato impreca in un messaggio indirizzato a una cliente, può andare incontro a conseguenze disciplinari solo se tale condotta risulta lesiva della dignità dell’intera avvocatura e se avviene nell’ambito del rapporto professionale. In questo caso però è emerso che gli sms, giudicati dalla cliente molesti a posteriori, non avessero in realtà un contenuto fastidioso od opprimente. La cliente inoltre non si è mai opposta o chiarito la propria posizione di rifiuto nei confronti delle frasi a lei indirizzate dal professionista. Da qui l’accoglimento del ricorso dell’avvocato, condannato dal COA di appartenenza alla sospensione dalla professione per sei mesi. L’esposto della cliente per molesti…

.. leggi il seguito