Nuovo studio shock: i padri separati hanno un rischio di morte prematura elevato

Nuovo studio shock: i padri separati hanno un rischio di morte prematura elevato
CODICI: prioritario che i candidati alle politiche inseriscano l’affido paritario con mantenimento diretti dei figli nei programmi 
Una nuova ricerca condotta in Canada e pubblicata su The Lancet Public Healt mette in evidenza un dato su cui è davvero impossibile soprassedere: i padri senza partner hanno un rischio di decesso prematuro assolutamente più elevato rispetto alla media.

Un fenomeno tutt’altro che marginale, se consideriamo che in Canada sono 330mila le famiglie monogenitoriali guidate dai padri e che in Italia il 18% delle famiglie è monoparentale. Anzi, l’aspetto più incredibile è che la categoria sociale dei padri separati sia studiata così raramente e che, ad oggi, le ricerche su stato di salute e mortalità abbiano riguardato quasi esclusivamente le donne sole.

Veniamo ai risultati dello studio, che ha coinvolto oltre 40.00 persone tra cui 871 padri separati. Tutti i partecipanti hanno fornito informazioni sul propri ostile di vita, che sono state incrociate con dati sull’utilizzo dei servizi sanitari, dati sulle condizioni di salute e su eventuali decessi. Il follow-up è durato ben 11 anni, durante i quali sono morte 693 persone tra cui 35 padri separati (ovvero 5,8 su mille): i padri single hanno evidenziato una predisposizione più alta alla contrazione del cancro e di patologie cardiovascolari, oltre ad avere usufruito in percentuale decisamente maggiore rispetto agli altri partecipanti a servizi sanitari (visite specialistiche, ricoveri ecc.).

Come evidenziato anche da Maria Chiu dell’Institute for Clinical Evaluative Sciences dell’Università di Toronto La ricerca indica che i padri single hanno una mortalità più elevata, più che doppia rispetto a tutte le altre categorie e questo dimostra la necessità di politiche di sanità pubblica per identificare e supportare questi uomini.

L’appello di Maria Chiu sfonda una porta che noi di CODICI teniamo aperta da anni: è infatti noto il nostro impegno costante a tutela dei padri separati, ovvero di una delle categorie sociali più vessate dalla giustizia italiana. Siamo infatti convinti che per garantire loro maggiore sicurezza (sia emotiva che economica) si debba innanzitutto fare rispettare il diritto costituzionale alla bi-genitorialità, che viene quotidianamente calpestato da centinaia di Tribunali.

Per questo chiediamo ancora una volta a gran voce ai candidati alle politiche di inserire nei propri programmi elettorali l’affido paritario con mantenimento diretto dei figli. Provvedimento che deve essere valido anche per i procedimenti già definiti, rimettendoli in discussione.

Stiamo parlando di un gesto semplicissimo, che, se portato avanti da tutti i partiti, rappresenterebbe un passo necessario affinché la società possa crescere nel pieno rispetto sia dei figli che dei genitori. Un passo che riteniamo necessario da tempo immemore e che oggi, davanti ai dati drammatici di cui sopra, diventa addirittura di importanza vitale.

Noi di CODICI non amiamo abusare di termini catastrofistici, ma quella dei padri separati è una vera e propria emergenza nazionale, che sta costando il benessere e in alcuni casi addirittura la vita di tantissime persone. Nel nostro piccolo non possiamo fare altro che rilanciare la nostra campagna “Voglio papà” (per ulteriori informazioni CLICCA QUI) e manifestare tutta la nostra voglia di sostenere chiunque ne abbia bisogno, ma il nostro impegno non può bastare a risolvere una crisi di tale portata: è fondamentale un intervento deciso da parte della politica e speriamo che le prossime elezioni da questo punto di vista segnino una svolta di cui c’è davvero tanto bisogno.



Fonte: CODICI: Nuovo studio shock: i padri separati hanno un rischio di morte prematura elevato

Powered by WPeMatico



Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*