Ultime Notizie

Bambina di sei anni rischia di morire ingoiando una pila Ma l’ambulanza non c’è e il padre è costretto a trasportarla con la propria auto in un altro ospedale Codici presenta esposto alla Procura della Repubblica del Tribunale di Torino affinché

Bambina di sei anni rischia di morire ingoiando una pila Ma l'ambulanza non c'è e il padre è costretto a trasportarla con la propria auto in un altro ospedale Codici presenta esposto alla Procura della Repubblica del Tribunale di Torino affinché
Era lo scorso 28 ottobre quando una bambina accidentalmente ha ingoiato una pila.

Il padre, immediatamente, si reca all’Ospedale di Cirè di Torino dove, in seguito ad una radiografia, i medici comunicano che la situazione è gravissima e la bambina deve essere trasportata con la massima urgenza all’ospedale Regina Margherita. 

Ma il problema sorge nel momento in cui il medico di turno comunica che non è presente nessuna ambulanza disponibile e il padre è costretto, da solo e in preda al panico, a trasportare la bambina che peggiora sempre più, con la propria auto verso l’altro ospedale.

La situazione è gravissima: il padre durante il tragitto è costretto a fermare ben tre volte la macchina per rianimare la figlia che aveva perso i sensi e non rispondeva più alle sollecitazioni. Per fortuna giunge in tempo all’ospedale Regina Margherita e viene messa fuori pericolo.

Ma la gravità di quello che è avvenuto è ingiustificabile. Da quello che si apprende dagli organi di stampa, l’ambulanza dichiarata indisponibile in realtà c’era, ma il medico ha comunque dimesso la bambina, affidandola al padre per il trasporto e mettendo a rischio la sua giovane vita.
Cosa sarebbe successo se, durante il trasporto, il padre non fosse riuscito a rianimare la piccola? Chi sarebbe stato responsabile di questa gravissima, evitabile e ingiustificata perdita?

Codici chiede che la Procura della Repubblica di Torino accerti e valuti se nei fatti, atti e comportamenti sopra riportati siano rinvenibili fattispecie penalmente rilevanti e che si proceda, in caso affermativo, affinchè tutti i responsabili siano puniti.

I casi di malasanità che vengono segnalati all’Associazione Codici sono sempre più numerosi, così come le vittime coinvolte e mentre la giustizia sembra essere una chimera, i colpevoli continuano ad operare impuniti.

Codici invita tutti i consumatori a segnalare eventuali casi di malasanità, affinché tutti possano essere tutelati.
Inviateci i vostri casi ai seguenti link: http://www.codici.org/sanita.html o http://www.codici.org/indignamoci.html.



Fonte: CODICI:

Powered by WPeMatico

E tu? Dicci come la pensi