Ultime Notizie

Che cos’è e come funziona il prestito per consolidamento debiti?

Chi ha più finanziamenti in corso può richiedere un prestito per consolidamento debiti per pagare un’unica rata mensile più leggera e rimborsarli tutti

Il prestito per consolidamento debiti è una forma di finanziamento molto particolare che ti consente di riunire tutti i prestiti che hai in corso in un’unica rata mensile. In questo modo, se hai avuto bisogno di attivare più finanziamenti in contemporanea e ora hai qualche difficoltà a rimborsarli, puoi non solo riunire tutto in un unico prestito e quindi facilitare le cose, ma anche alleggerire la rata mensile a fronte di un allungamento del periodo di rimborso. Infatti, il prestito per consolidamento debiti è pensato apposta per farti ottenere una rata mensile unica che sia più leggera rispetto all’importo di tutte le singole rate sommate insieme. Ma vediamo, nel dettaglio, le caratteristiche del prestito per consolidamento dei debiti?

Prestito per consolidamento debiti: come funziona?

Come dicevamo, il prestito per consolidamento debiti ti permette di riunire in un’unica rata mensile tutti i finanziamenti che stai rimborsando. Non importa se hai richiesto questi prestiti in banche diverse oppure nello stesso istituto: il consolidamento è di fatto un nuovo prestito che estingue tutti gli altri. Inoltre, spesso ti permette di richiedere liquidità aggiuntiva per aiutarti in ulteriori spese.

Tuttavia, non esiste una regola fissa su chi debba occuparsi dell’estinzione dei vari finanziamenti. Potrebbe, infatti, pensarci la nuova banca in autonomia oppure erogarti la somma e lasciare a te il compito di utilizzare il denaro per rimborsare tutti i prestiti che hai attivi. Inoltre, il prestito per consolidamento debiti può essere estinto anticipatamente senza problemi e in qualsiasi momento: in questo modo potrai risparmiare sugli interessi non ancora versati e, al massimo, dover versare solo l’eventuale penale prevista dal contratto.

Prestiti per consolidamento debiti: vantaggi e svantaggi

Il prestito per consolidamento debiti è senza ombra di dubbi un prodotto utile, che comporta tanti vantaggi ma anche qualche svantaggio.

Tra i lati positivi, ci sono da sottolineare le conseguenze pratiche della rata mensile unica: è più semplice da versare, non ti obbliga a ricordarti tante scadenze diverse e ti permette di gestire con più facilità il tuo budget familiare. Inoltre, come dicevamo prima, allungandosi il tuo periodo di rimborso puoi ottenere una spesa mensile più leggera perché la rata mensile unica sarà sicuramente più bassa rispetto alla somma delle rate di rimborso dei vari prestiti attivi.

Lo stesso allungamento del periodo di rimborso, però, comporta per forza dei tassi d’interesse più alti. Infatti, se la rata mensile unica è sicuramente più bassa, complessivamente andrai a spendere di più rispetto alla somma degli importi dei singoli finanziamenti separati. Diventa, quindi, molto importante negoziare un buon tasso d’interesse con la banca con la quale stipulerai il prestito per consolidamento debiti.

Prestito per consolidamento debiti: chi può richiederlo? Con quali garanzie?

Puoi richiedere un prestito per consolidamento debiti se hai un’età compresa tra 18 e 75 anni, se hai un contratto di lavoro a tempo indeterminato, con un’anzianità lavorativa di almeno 6 mesi, o se sei un pensionato. Se sei un lavoratore autonomo, dovrai dimostrare di avere delle entrate fisse e continuative.

Inoltre, è richiesto che tu abbia una buona affidibilità creditizia, ovvero che tu non sia stato segnalato alle Centrali Rischi come cattivo pagatore. Se, infatti, in passato non hai rimborsato puntualmente le rate di un finanziamento, sarà difficile ottenere un prestito per consolidamento debiti.

Oltre a quello che abbiamo elencato, la banca potrebbe richiedere ulteriori garanzie per concederti un prestito per consolidamento debiti. Spesso, viene richiesta la firma di una figura che faccia da garante, ovvero che si impegni a rimborsare il prestito al posto tuo, nel caso tu non ne fossi più in grado. Anche il garante, ovviamente, deve dimostrare di avere un reddito fisso e di non essere un cattivo pagatore.

E tu? Dicci come la pensi

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*